Accedi
Accedi Registrati

Cristiano e Marco: Se un celiaco ti morde diventi celiaco

Pubblicato il 05/10/2016, da Glutile

Oggi vogliamo parlarvi di Cristiano e Marco, gli amministratori della prima pagina ironica sulla celiachia ”Se un celiaco ti morde diventi celiaco” e del gruppo privato ”Mordere i glutinosi”, uno spazio dove le persone celiache possono condividere le loro esperienze quotidiane inerenti la celiachia, confrontarsi sulla qualità dei prodotti senza glutine e in generale scambiarsi opinioni e idee, in modo divertente e scherzoso.

Noi di Glutile.it ci siamo messi in contatto con loro per conoscerli meglio e dare voce al loro progetto…

Come vi siete ispirati alla creazione di una pagina Facebook che si misura con il problema della celiachia in un modo cosi particolare?
L’idea è nata in una serata tra amici in cui è emerso il classico problema che ogni celiaco “purosangue” ha imparato ad affrontare: cosa mi mangio? Da lì, sempre in un clima conviviale, è nato un divertente parallelismo tra il celiaco e il vampiro finché un nostro amico chiese “ma se un celiaco ti morde diventi celiaco?”. Genio. La pagina fu creata, per gioco, la sera stessa, ma riscosse nei giorni successivi un rapido successo che ha portato a chiederci: perché non continuare?

Quali sono gli sforzi e i sostegni che risiedono dietro alla vostra idea?
Gli sforzi sono tanti, non lo neghiamo, ma la soddisfazione altrettanta. Cerchiamo di postare sulla nostra pagina due immagini inedite al giorno e tutto il materiale che i nostri fan ci inviano privatamente. Tra fantasiose storpiature della parola “celiachia” in tutte le sue declinazioni, (dis)avventure quotidiane e ironiche immagini senza glutine cerchiamo di strappare un sorriso a tutti i celiaci che popolano il social network.

Come vi rapportate agli utenti che vi seguono?
Inizialmente non è stato semplicissimo rapportarci con gli utenti, nonostante il numero di “likes” sia sempre stato crescente. Spesso non venivano comprese le nostre intenzioni in quanto nessuno prima di noi aveva “osato” scherzare sulla celiachia e alcuni temi erano rimasti tabù, ma giorno dopo giorno si è creato un legame sempre più stretto con i nostri fan che adesso hanno capito in pieno che tutto quello che pubblichiamo è “per” i celiaci e non “contro”.

Con quale frequenza vi capita di partecipare a fiere, convegni ed eventi legati alla celiaca e quali sono gli stimoli ricevuti da questo tipo di incontri?
Stando relativamente da poco su internet e non parlando della celiachia in maniera canonica non siamo stati invitati a molti eventi. Recentemente abbiamo partecipato al Gluten Free Days 2016 dove abbiamo provato a portare un pò di sana ironia e psicologia dell’umorismo in una kermesse incentrata principalmente su convegni scientifici e proposte culinarie.
Ci fa molto piacere partecipare a fiere, convegni ed eventi legati alla celiachia perché sono il miglior pretesto e luogo per realizzare quello che tutti i giorni vogliamo fare: ridere e far sorridere.

Quanto sono importanti per voi l’attenzione e la sensibilizzazione riguardo questa branca dell’alimentazione? L’utenza come sta rispondendo al vostro progetto?
È naturalmente importantissimo sensibilizzare la gente alla celiachia, fenomeno in aumento sia in Italia che nel mondo, ma forse lo si sta facendo nel modo sbagliato o meglio si può fare di più. Siamo circondati da blog medici e di cucina il cui motto è “puoi mangiare quello, stai attento a questo, quando esci non fare così”, tutto giustissimo per carità. L’informazione è la più potente delle armi, ma non va confusa con la serietà: intorno alla celiachia grava una nube di pesantezza che, a nostro avviso, non fa bene al celiaco e a chi si confronta con la celiachia. Crediamo che sia importante aggiungere (e non sostituire) al tutto una sana dose di ironia. Il concetto del “vampiro celiaco” o de “l’esercito gluten free”, che chi ci segue conosce bene, serve proprio per far capire ai nostri fan che non sono soli e che fanno parte di un gruppo meraviglioso in grado anche di divertirsi e di sorridere delle loro “sfortune”.

Progetti futuri?
Abbiamo pubblicato da poco “Celiac’s song”, l’inno della celiachia, cantato in modo pessimo dalle nostre voci ed un video su YouTube: “le 5 cose da NON dire ad un celiaco”. Vogliamo sicuramente continuare a pubblicare immagini e meme a tema celiachia e chissà, qualche altra canzone.
Sicuramente uscirà “le altre 5 cose da NON dire ad un celiaco” a seguito del primo video. Inoltre, abbiamo in programma di organizzare qualche evento con gli amici di “Celiachiamo”, uno strepitoso laboratorio artigianale di prodotti gluten free a Roma che vi consigliamo di andare a trovare, il vostro stomaco vi ringrazierà.
Che dire in più … continuate a seguirci!

Un saluto a tutti gli amici di Glutile.it

————

Ringraziamo Cristiano e Marco per questa piacevole chiacchierata.
E come direbbero loro “Che la celiachia sia con voi!”

E adesso? Lasciatevi catturare dalla loro simpatia su Facebook: www.facebook.com/seunceliacotimordediventiceliaco