Accedi
Accedi Registrati

La Chufa, un alimento senza glutine super nutriente

Pubblicato il 24/04/2018, da Sabrina Pavia

Qualche giorno fa ho sentito parlare della chufa, così ho deciso di fare una piccola ricerca e date le sue fantastiche caratteristiche, tra cui l’assenza di glutine, ho deciso di parlarvene per scoprire assieme di cosa si tratta.

La chufa, conosciuta anche come babbagigi o zigolo dolce, è un tubero dal sapore dolciastro che si ottiene dalla pianta Cyperus esculentus, ha origini molto antiche e ad oggi viene coltivata principalmente in Spagna (a Valencia nello specifico).

Da un punto di vista nutrizionale la chufa è naturalmente priva di glutine e lattosio, ricca in sali minerali come potassio, fosforo, magnesio, calcio, ferro e vitamine tra cui la vitamina E e vitamina C.
Ottima fonte di carboidrati, fibre, proteine ed enzimi, ma povera di grassi saturi e sodio, contiene anche una buona fonte di acido oleico, un acido grasso monoinsaturo che aiuta a ridurre i livelli di LDL e a regolare la pressione sanguigna.

Oltre ad avere proprietà diuretiche e digestive, aiuta ad attenuare i gonfiori addominali e la stitichezza grazie alla sua alta % di fibre.

La chufa può essere consumata sotto forma di tubero (difficile da reperire in Italia) o sotto forma di farina usata per la preparazione di prodotti da forno sia dolci che salati o per dolcificare yogurt, frullati e succhi di frutta.

Un altro prodotto ricavato dalla lavorazione di questo tubero è l’orzata di chufa, una bevanda vegetale dal sapore dolce che, essendo priva di lattosio ma ricca di proteine, può essere gustata a colazione come valida alternativa al latte vaccino o come aggiunta per la preparazione di shake proteici.

Il suo gradevole sapore, che rievoca molto quello delle mandorle e delle nocciole la rende perfetta anche per le preparazione di deliziose creme spalmabili sul pane.

La chufa si può trovare in qualsiasi supermercato ben fornito perciò non vi resta che provarla.