Raffaella Oppimitti ci racconta il suo “gfpride”

Pubblicato il 29/04/2016, da Glutile

”Ho voluto creare un evento nuovo, diverso dagli altri”
Abbiamo fatto alcune domande a Raffaella Oppimitti per conoscere meglio il suo evento "#gfpride"…

Come e quando è iniziata la tua avventura con il #gfpride?
In realtà è una storia che parte da molto lontano, quando da molto piccola mi è stata diagnosticata la celiachia. Ho sempre vissuto a Milano, ed è li che ho iniziato anni fa ad organizzare cene, degustazioni, laboratori, scrivere libri, etc. Poi mi sono trasferita a Rimini e mi sono chiesta subito come mai in una città così viva nessuno avesse pensato di organizzare un evento gluten free. Così ho deciso che l’avrei fatto io, e l’anno scorso è partita questa nuova avventura con la prima edizione del #gfpride.

”#gfpride”, come è nato questo nome?
Sono una persona che vede sempre il bicchiere mezzo pieno. Fin da subito ho scelto di affrontare la celiachia serenamente e con il sorriso, cercando di trasformare i punti di debolezza in punti di forza, di “orgoglio”. Il nome #gfpride penso esprima bene questa mia filosofia di vita.

Tu dici: ”Il #gfpride è un evento diverso dagli altri”, ci puoi spiegare questa affermazione?
Il #gfpride parte da un concetto diverso perché, a differenza di altri eventi, comprende un pacchetto completo dove si può scegliere liberamente se aderire a tutti gli appuntamenti proposti o solo ad alcuni. In questo modo i partecipanti trovano spazio anche per godere di momenti di relax nei quali visitare la città, fare shopping o semplicemente rilassarsi e divertirsi in spiaggia con la propria famiglia. Chi partecipa al #gfpride non si deve preoccupare di nulla dal momento in cui arriva fino al giorno della partenza.

Quali sono le novità di questa edizione?
La novità principale è che quest’anno gli appuntamenti diventano due, uno a Rimini e l’altro a Riccione.
Dal 21 al 28 maggio apriamo la stagione a Riccione con una settimana all’insegna del gluten free con ospiti d’eccezione (presso l’hotel Trieste). Dal 9 all’11 settembre ci spostiamo a Rimini per chiudere la stagione con un weekend “on the beach” all’insegna del mangiare bene (presso l’hotel Corallo).

Fai riferimento ad ospiti di eccezione, chi sono?
Quest’anno eravamo più preparati e l’organizzazione è andata meglio. Siamo riusciti a coinvolgere alcune persone molto note nel panorama del senza glutine: Francesco Favorito - il noto pasticcere, Marcello Ferrarini - lo chef gluten free diversamente gourmet, Marco Amoriello - il pluricampione del mondo di pizza senza glutine, Giuliano Auletta - lo chef dell’Hotel Corallo di Rimini, Carlo Le Rose - lo chef di riferimento per il senza glutine dei “Fratelli la Bufala” e Elvira Ackermann - sommelier e presidente dell’associazione “Le donne della birra”.
Siamo molto orgogliosi di averli al nostro evento.

Progetti per il futuro?
Far diventare il #gfpride un punto di riferimento per Rimini e per i celiaci di tutta Italia, e perché no, diventare un appuntamento itinerante con il senza glutine.

Per concludere, ti chiediamo cosa diresti oggi ad un neo celiaco…
Semplicemente di cercare di affrontare la celiachia con serenità e con il sorriso. Da cose apparentemente negative possono nascerne altre decisamente migliori.

Grazie Raffaella per questa breve ma bella chiacchierata, è stato un piacere conoscerti.
“In bocca al lupo” per il tuo l’evento e complimenti per lo spirito e il modo con cui affronti ogni giorno la celiachia.

Qui tutte le info sull’evento: www.gfpride.com