Accedi
Accedi Registrati

Un lampo(ne) rosso tra le foglie

Pubblicato il 03/09/2018, da Isabella Vendrame

Piccoli e sgargianti frutti, spesso abbandonati nei boschi, amici delle donne e della loro salute.

Dal greco “lampo”, i lamponi, coltivati nelle zone del mediterraneo già nel XVI sec, sembra venissero consigliati alle donne in gravidanza per scongiurare il rischio di aborto. Effettivamente questi frutti e in modo particolare il gemmoderivato ottenuto dalle loro gemme, agiscono proprio sull’apparato ormonale femminile, regolando l’asse ipotalamo-ipofiso-gonadico e la secrezione ovarica risultando utili per regolarizzare il ciclo mestruale, in caso di amenorrea e per attenuare i disturbi della menopausa.

I frutti sono un concentrato di vitamine in particolare A, C, E, e K, quest’ultima importante per mantenere il calcio nelle ossa e ridurre il rischio di osteoporosi. Contengono inoltre acido folico necessario soprattutto in gravidanza. Sono presenti sali minerali quali potassio, magnesio, zinco, rame e manganese.

Fanno bene perché...
- Migliorano la circolazione grazie alla presenza di vitamina C e della rutina; inoltre antociani e flavonoidi proteggono la salute cardiovascolare;
- Svolgono un’azione protettiva sulla mucosa intestinale grazie al contenuto di acido ellagico, potente antitumorale;
- Facilitano la perdita di peso grazie alle fibre e al manganese che stimola a metabolizzare i grassi più velocemente;
- Rinforzano unghie e capelli grazie alla vitamina B7 e all’acido folico.

Lo sapete che...
...i lamponi contengono Omega3?

...potete usare le foglie essiccate per preparare una tisana? Serve per abbassare il livello di zuccheri nel sangue, per curare infezioni gengivali e ha un effetto rilassante in caso di disturbi intestinali e dolori mestruali.

In tavola...

NO
Se soffrite di diverticolite in quanto i semini possono fermarsi nei diverticoli ed infiammarli. Fate attenzione anche a more, ribes, fragole, kiwi e fichi.

SI
In macedonia insieme ad altra frutta semi acida come mirtilli, fragole, kiwi, ananas, melone o pesche. Meglio evitare l’accostamento con frutta dolce come la banana per non accusare gonfiore.

L’idea in più...
Per una colazione leggera e ricca di fibre utili per regolarizzare l’intestino, provate a preparare una composta cuocendo brevemente una vaschetta di lamponi con il succo di mezzo limone e, se gradite, un cucchiaino di miele o sciroppo di riso. Spalmate su delle gallette di riso integrale o di grano saraceno.

---

Articolo di Isabella Vendrame
La sua vetrina su Glutile -> www.glutile.it/isabella-vendrame
Il suo blog -> www.naturalmente-free.com